mercoledì 21 maggio 2008

Immigrazione illegale = condanna


Ecco la prima legge che non si rispetterá mai nel governo Berlusconi. Perché in Italia, questo é il mio pensiero, non mancano le leggi... manca il modo di applicarle, e questa sará una di quelle.
Il reato di "immigrazione illegale"
Ma non avevano votato all'unanimitá anche quelli di centrodestra per l'indulto perché le carceri erano strapiene?

E non abbiamo i tribunali in ritardi spaziali perché ci sono troppi processi? Ora pure l'immigrazione clandestina? Che tanto poi si sa, la polizia becca solo qualcuno, qualche volta, e quando ne hanno voglia (fatevi un giro per Milano per capire).
Cioé a parte che essere regolamente al 100% in questo paese é un'impresa titanica, ora se vieni beccato ti becchi pure della galera.
Per caritá... ideologicamente la legge é ineccepibile. Peccato che ovviamente gli immigrati che verranno condannati avranno:
1. intasato ancora di piú i tribunali
2. usciranno nel momento stesso della condanna o per la condizionale o per l'indulto... totale, legge inutile
3. se per incredibile coincidenza astrale si dovessero veramente aprire le carceri per gli immigrati clandestini... ma dove li mettiamo? Non erano strapiene? E perché devono scontare da noi la pena?

A questo punto una considerazione:
non sarebbe stato meglio subordinare il reato di immigrazione clandestina a qualche altro reato?
Cioé:
se delinqui e OLTRETUTTO sei clandestino, ti do piú anni che a un italiano. Tanto prima o poi verrá fuori che era questo l'obiettivo della legge. Cioé: viva il razzismo, forse forse la Spagna non aveva tutti i torti!

Dai politici! Non é cosí che si combatte né la criminalitá né la clandestinitá!
Basta fare leggi applicabili, dare possibilitá a chi veramente vuole venire a lavorare di mettersi in regola in fretta ed eseguire immediatamente e personalmente le espulsioni! Non é difficile.
Prima prova per Berlusoni... miseramente fallita.
Speriamo bene con la monnezza!

1 commento:

lottery numbers ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.